Linee di Indirizzo del DS

INDIRIZZI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER IL PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA

Articolo 1, comma 14 della legge n° 107 del 13 luglio 2015 che modifica l’art. 3 del DPR n° 275 dell’8 marzo 1999 e introduce il comma 4

 

L’elaborazione del P.T.O.F. deve tener conto delle priorità, dei traguardi e degli obiettivi individuati nel Rapporto di Autovalutazione (di seguito RAV) per rispondere alle reali esigenze dell’utenza.

L’Offerta Formativa deve articolarsi tenendo conto non solo della normativa e delle presenti indicazioni, ma facendo anche riferimento a Vision e Mission, nonché al patrimonio di esperienza e professionalità che negli anni hanno contribuito a costruire l’immagine delle scuole che fanno parte della nostra istituzione scolastica.

A tal fine è necessario:

  1. Monitorare e intervenire tempestivamente sugli alunni a rischio (a partire da una segnalazione precoce di casi potenziali DSA/ BES/ dispersione) individuando con chiarezza le aree dei Bes e i conseguenti interventi di personalizzazione dei percorsi formativi nell’ambito di una inclusività degli alunni che coinvolga tutto l’Istituto in un unico indirizzo educativo.
  2. Rafforzare i processi di costruzione del curricolo verticale e caratterizzante l’identità dell’Istituto anche attraverso la costituzione dei dipartimenti disciplinari e la realizzazione di percorsi didattici e valutativi condivisi;
  3. Attuare la piena realizzazione del curricolo della scuola e il raggiungimento degli obiettivi formativi previsti dalla legge attraverso forme organizzative flessibili, nel limite della dotazione organica dell'autonomia, tenuto conto delle esigenze degli studenti e del loro successo formativo.
  4. Operare per la reale personalizzazione dei curricoli, sia in termini di supporto agli alunni in difficoltà sia nelle direzioni dello sviluppo delle potenzialità, delle attitudini e della valorizzazione delle eccellenze e applicare i principi di trasparenza e tempestività nella valutazione riferita al percorso personalizzato dell’alunno.
  5. Sviluppare attività didattiche e formative connesse con l’utilizzo sistematico delle tecnologie e potenziare la strumentazione di proprietà dell’Istituto favorendo, nel contempo, l'utilizzo dei propri strumenti da parte degli studenti.
  6. Superare la dimensione trasmissiva dell’insegnamento e modificare l’impianto metodologico in modo da contribuire fattivamente, mediante l’azione didattica, allo sviluppo delle competenze chiave di cittadinanza europea, che sono riconducibili a specifici ambiti disciplinari (comunicazione in lingua madre, comunicazione in lingue straniere, competenze logico matematiche, competenze digitali) e a dimensioni trasversali (imparare ad imparare, iniziativa ed imprenditorialità , consapevolezza culturale, competenze sociali e civiche);
  7. Favorire la continuità all'interno dell'istituto attraverso una verticalità per aree e azioni didattiche;
  8. Integrare l'offerta territoriale con quella dell’Istituto con apertura e assorbimento nel Pof delle attività proposte dal territorio. Apertura della scuola oltre gli orari tradizionali al servizio della comunità.
  9. Migliorare i processi di dematerializzazione e trasparenza amministrativa per supportare la gestione complessiva e l'azione didattica.
  10. Sostenere la formazione e l'autoaggiornamento di tutto il personale dell'Istituto per:
    - la diffusione dell’innovazione metodologico-didattica;
    - lo sviluppo di competenze professionali in area educativo-didattica ed organizzativa
    - l’aggiornamento continuo rispetto agli adempimenti relativi alla sicurezza negli ambienti di lavoro e nel trattamento dei dati in ottemperanza alle recenti disposizioni in materia.
  11. Operare per il miglioramento del clima relazionale e del benessere organizzativo, favorendo anche la condivisione delle informazioni tra il personale interno e con gli alunni, le famiglie e gli stakeholders presenti sul territorio.
  12. Promuovere percorsi, graduali e progressivi, finalizzati all'acquisizione di competenze orientative di base per lo sviluppo di capacità decisionali, interessi, attitudini e aspirazioni personali da parte degli alunni e delle alunne.