Sharing is caring


Il periodo che abbiamo vissuto in questi mesi è stato strano e diverso. Se nei primi giorni di quarantena qualche giorno di vacanza ci è sembrato un regalo inaspettato, poi sono subentrate la preoccupazione per quello che stava succedendo intorno a noi, e anche la noia per l'isolamento che eravamo costretti a vivere. Quando sono iniziate le videolezioni ci siamo rivisti, anche se in modo inusuale e anomalo, con i nostri compagni e con i nostri insegnanti. La scuola a distanza è stato un passo importante per riprendere in qualche modo la nostra vita da studenti, ma non ha sostituito completamente la quotidianità in classe, che mai ci è mancata come in questi mesi. Tenere dentro la paura e i propri pensieri non aiuta a superare i momenti difficili, mentre esprimere le proprie emozioni aiuta ad affrontarle e a capirle. Se poi le condividiamo, ci rendiamo conto di essere parte di una rete e ci prendiamo cura degli altri: “sharing is caring”. Abbiamo raccolto in un “diario virtuale” alcune nostre riflessioni su quello che stava accadendo e sull'esperienza che stavamo vivendo. E abbiamo provato a farlo in inglese. Condividiamo qui il nostro diario, che resterà una testimonianza di ciò che abbiamo vissuto anche quando la memoria scolorirà un po' i ricordi.

Classe 2^ B

Scuola secondaria di primo grado "G.B. Tiepolo" di Pagnacco