Come gestire la relazione con gli alunni al tempo del coronavirus


“L’essere umano apprende nella relazione” dice la dott.ssa Silvana Cremaschi parlando a

tutti gli insegnanti dell’IC Pagnacco-Martignacco riuniti virtualmente per ascoltare le sue

riflessioni e interagire con domande ed esperienze.

La dott.ssa Cremaschi, che è stata Dirigente medico di neuropsichiatria infantile, ha tenuto

una video conferenza nel pomeriggio del 26 marzo per rispondere ai dubbi degli

insegnanti dell’Istituto Comprensivo e condividere la sua esperienza nella gestione delle

emozioni di bambini e adolescenti.

Ciò che emerge fin dalle sue prime parole è che, anche in questo tempo in cui è

impossibile condividere gli spazi con gli alunni, è importante tenere vive le relazioni,

raccontando una storia ai bambini più piccoli, lasciando qualche momento di saluto e

condivisione tra gli alunni più grandi che si stanno ritrovando, anche se dietro uno

schermo, e facendo loro sentire che siamo in ascolto.

Sempre sorridente e positiva, la dottoressa ha dato consigli sulla gestione del tempo degli

studenti che vanno aiutati a mantenere dei ritmi di scansione delle giornate, ha suggerito

di far costruire qualcosa di concreto anche perché questa nuova situazione sconvolge

emotivamente gli adulti tanto quanto bambini e ragazzi, che faticano anche a concentrarsi.

E poi l’uso delle storie, dei racconti dei bambini che devono essere lasciati liberi di

esprimere le loro emozioni, magari inventando storie che hanno per protagonista il mostro-

virus, ricordandoci sempre che le fiabe si concludono con “…e vissero per sempre felici e

contenti!” Ha parlato a noi docenti dando esempi concreti di attività da fare, sperando di

raggiungere anche le famiglie attraverso la mediazione della scuola. Questa ora, è

chiamata anche a condividere con i genitori il difficile compito di far mantenere ai ragazzi il

giusto equilibrio rispetto ai mezzi di comunicazione, che stanno sostituendo le nostre aule

colorate e chiassose e sono per ora l’unico tramite tra scuola e studenti.

Per noi insegnanti, ascoltare le parole positive e rassicuranti della dott.ssa Cremaschi è

stato come prendere una boccata d’aria.

La ringraziamo di cuore per il suo intervento